03/08/2010

Con la pubblicazione del D.M. 10 ottobre 2008 n.193 – regolamento per il finanziamento degli Istituti di patronato-, come noto, vengono stabilite le nuove modalità di ripartizione del finanziamento – a partire dal 1 gennaio 2009 - per l’attività degli istituti di Patronato ex comma 7 art.13 della legge 30 marzo 2001 n.152.

Come già segnalato con la precedente informativa della scrivente Direzione (prot. EASA n.09/09 del 16 giugno 2009) il Ministero è intervenuto con la circolare n.21/2009 a disciplinare gli aspetti applicativi del suddetto regolamento al fine di garantirne una corretta attuazione sia da parte delle sedi di patronato che degli Ispettori sul territorio.
Il nostro Patronato, insieme agli altri Istituti facenti parte del Cipla, ha rilevato al Ministero la necessità di approfondire ulteriormente alcuni aspetti della richiamata circolare non del tutto chiari con riferimento soprattutto alla definizione delle pratiche.
Stante quanto sopra, segnaliamo con la presente la pubblicazione della circolare del Ministero del Lavoro n.01/2010 – che trasmettiamo in allegato - recante appunto alcune importanti integrazioni alla precedente circolare 21/2009 sulle modalità di definizione delle domande di pensione.

In particolare la nuova direttiva del Ministero, nel ribadire che al fine di evitare la doppia statisticazione delle pratiche di pensione già liquidate in forma provvisoria le stesse saranno utili per il finanziamento solo al momento del provvedimento definitivo, interviene a chiarire che:

1. le pratiche di pensione già definite in via provvisoria, in data anteriore al 1 gennaio 2009, possono essere nuovamente chiuse anche nell’attività dell’anno 2009 a condizione che il provvedimento di liquidazione definitivo sia intervenuto successivamente al 1 gennaio 2009.

2. le pratiche di ricostituzione già inoltrate a seguito della liquidazione in via provvisoria della pensione non sono considerate utili ai fini della statisticazione e non possono più essere presentate prima del provvedimento di liquidazione definitiva. Viene fatta salva l’ipotesi di domanda di supplemento per contributi versati dopo la decorrenza della pensione, che rimane utile ai fini del finanziamento anche nei casi in cui venga presentata nelle more della liquidazione definitiva della pensione stessa fermo restando i requisiti di legge per il diritto a tale prestazione.

Rispetto alle specificazioni del Ministero di cui al punto 1 gli uffici sono invitati pertanto con ogni sollecitudine a reperire in tempo utile per le operazioni di chiusura dell’attività svolta nel 2009 tutti i prospetti di liquidazione delle pensioni in via definitiva intervenuti nell’anno a fronte di pratiche già statisticate in precedenza per effetto di liquidazioni provvisorie. Le stesse infatti – come specificato nella circolare - potranno essere incluse anche nella statistica per il 2009.

Vista l’importanza dei contenuti della circolare in oggetto, rispetto ai quali si richiede una puntuale osservanza nelle fasi di chiusura dell’attività svolta nell’annualità 2009, trasmettiamo in allegato il testo integrale del provvedimento rimanendo come sempre a disposizione per ogni eventuale richiesta di chiarimento.






Cordiali saluti.

LA DIREZIONE CENTRALE

ALLEGATO:
Circolare Ministero del Lavoro 01/2010



© 2015 - CASARTIGIANI - Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani - Realizzazione siti web - web marketing