02/03/2018

Pubblichiamo il documento di Rete Imprese Italia contenente le proposte delle cinque Organizzazioni fondatrici alle forze politiche in vista delle prossime elezioni del 4 marzo.
I suggerimenti a chi si candida a governare il Paese, come stabilito dalla Presidenza di Rete Imprese Italia nella riunione dello scorso 14 febbraio, riguardano ambiti di intervento di carattere generale e sono stati volutamente circoscritti a pochi temi trasversali riconducibili comunemente a tutti i settori economici rappresentati dell’artigianato, del commercio e dell’impresa diffusa.
CASARTIGIANI ha fermamente sostenuto la necessità che Rete Imprese Italia, pur nelle comprensibili differenti sensibilità delle proprie componenti, non facesse mancare il proprio significativo contributo.
In questo momento particolarmente importante della politica siamo convinti più che mai che lo straordinario messaggio di unitarietà espresso da Rete Imprese Italia rappresenti il vero valore aggiunto a sostegno di tutte quelle componenti economiche e sociali del Paese che rappresentano l’anima dei nostri territori, della creatività e del saper fare unici al mondo.
L’indagine ISTAT presentata lo scorso 2 novembre ha evidenziato il contributo delle micro e piccole imprese (fino a 20 addetti) all’economia italiana. I riferimenti quantitativi sono i seguenti:
• 4.168.061 imprese, pari al 98,3% del totale industria e servizi
• 8.993.081 addetti, 57,2% del totale
• 4.290.008 dipendenti, 39,3% del totale
• 1.071 miliardi di fatturato, 36% del totale
• 285 miliardi di Valore Aggiunto, 40% del totale
• 26 miliardi di investimenti, 30% del totale
Sono dati che evidenziano la peculiarità del tessuto produttivo italiano e che formano lo scenario economico su cui incidere per produrre innovazione ed elaborare un set di proposte alternative alle scelte attuate negli ultimi decenni.
Un tessuto che deve costituire il fulcro di qualsiasi politica di rilancio e di crescita dell’intera economia.

Incontro 1 marzo 2018:

IL 4 MARZO CI DEVE PORTARE UN GOVERNO STABILE E PER QUESTO OCCORRE IL 40% DI VOTI. IN CASO NEGATIVO SI TORNEREBBE A VOTARE.
CON LO STESSO SISTEMA?

SERVE UN GOVERNO CHE CANCELLI GLI ERRORI DELLE LEGGI FORNERO E CI RIPORTI ALLE ELEZIONI CON IL PROPORZINALE CHE HA GARANTITO LA CRESCITA DI UN ITALIA DISTRUTTA DALLA GUERRA E DAGLI AVVENTURIERI.

AL MOMENTO C’E’ SOLO UNA COMPONENTE POLITICA COMPATTA CHE PUO’ SPERARE SUL 40%, E’ QUINDI TUTTO NELLE MANI DEGLI ELETTORI.
ABBIAMO, TUTTI, IL DOVERE DI ANDARE A VOTARE.

NOI VERI LAVORATORI, NOI CHE ABBIAMO CONTRIBUITO AI RISULTATI SOPRA RIPORTATI, DIFFONDIAMO LE PROPOSTE DI RE.T.E. IMPRESE ITALIA.

Michele Marchese, presidente Casartigiani Siracusa



© 2015 - CASARTIGIANI - Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani - Realizzazione siti web - web marketing