08/11/2017

da rassegna sindacale

fondata da Giuseppe di Vittorio 

Dopo otto mesi di trattativa, oggi a Roma è stata siglata l’ipotesi di accordo tra i rappresentanti delle associazioni degli artigiani (Confartigianato, Cna, Claai, Casartigiani) e dei sindacati Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil, per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle piccole e medie imprese del tessile (fino a 249 addetti) e chimico (fino a 49 addetti), scaduto il 31 marzo scorso, che avrà vigenza fino al 31 dicembre 2018.
Per quanto riguarda il salario gli aumenti saranno così suddivisi con riferimento al salario medio di ogni settore: 75 euro per il settore tessile; 75 euro per la gomma-plastica; 87 euro per il settore chimico-concia; 70 euro per ceramica, vetro, abrasivi; 100 euro per il settore terzo fuoco (aziende fino a 249 addetti). L’erogazione sarà articolata in tre tranche. Inoltre, sono previsti 50 euro di una tantum sia per la sezione tessile, che per quella chimica. Per quanto riguarda la confluenza del ccnl terzo fuoco, invece, sono previsti 350 euro di una tantum.

(fotografia di Zè Valdi)

(Leggi articolo integrale in allegato)



© 2015 - CASARTIGIANI - Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani - Realizzazione siti web - web marketing