20/12/2017

Formulati da Giacomo Basso gli auguri di buon Natale e buon Anno al Presidente Mattarella in occasione della cerimonia, al Quirinale, per lo scambio degli auguri di fine anno con i rappresentanti delle Istituzioni, delle forze politiche e della società civile.

Ho formulato anche quest’anno, a nome di tutte le Donne e degli Uomini di CASARTIGIANI, gli auguri per il  Natale e per l’Anno nuovo al grande Presidente Mattarella, dopo averne ascoltato il discorso, lucido ed incisivo, per il nuovo Anno e per tutto quello di importante che ci aspetta. Poco prima, il Presidente del Senato Pietro Grasso, come vuole il protocollo e la tradizione, aveva aperto la cerimonia con un breve, concreto discorso che ha toccato i temi di attualità.
Del resto, ampia documentazione su entrambi i discorsi troverete su tutte le testate giornalistiche web, giova solo qui ricordare che molto piacere ha fatto il richiamo di Sergio Mattarella all’importante ruolo di collante e al senso di responsabilità delle Organizzazioni Sindacali e Datoriali come la nostra. Si tratta di una grande valorizzazione e di un grande riconoscimento, tanto più quando si celebra l’alto rito democratico delle consultazioni e delle manifestazioni del consenso. Riconoscimento che va esteso ad ognuno di noi che con abnegazione e lealtà si impegna e che è consapevole del suo ruolo democratico e sociale. Come sempre, al termine della celebrazione, c’è stata l’occasione in un clima di cordialità per una serie di incontri e di dialoghi con le Autorità presenti. Ho potuto, accompagnato dagli amici Giorgio Merletti, Daniele Vaccarino e  Patrizia De Luise, porgere gli auguri al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, di cui sempre si apprezza lo stile, e all’energico Ministro dell’Interno Marco Minniti, nonché al Sottosegretario alla Presidenza Maria Elena Boschi. Con ognuno di loro è stato rappresentato, ascoltato e in qualche misura riconosciuto l’affermato ruolo di Rete Imprese Italia. Molti altri sono stati i personaggi della politica che ci è stato dato di poter salutare, con questo testimoniando con la nostra presenza il ruolo e l’importanza del comparto e dell’Organizzazione nonché la storia e la tradizione della nostra serietà e del nostro senso di responsabilità. Tra gli altri, Luigi Di Maio, con cui ci si è soffermati a lungo e che ci ha ringraziato per l’ospitalità presso alcune nostre strutture, Matteo Salvini sempre combattivo, Luigi Toti, Gianni Letta, Maurizio Gasparri, Paolo Romani , e per ritornare in ambito governativo i Ministri Dario Franceschini e Graziano Del Rio. Tanti altri amici e conoscenti, espressione dei ruoli di Servizio e di responsabilità, non volendo dimenticare nessuno. Sono andato via con la convinzione, comunque, che l’Italia continua ad essere sempre una forte , solida, esemplare Democrazia e che sapremo in qualche modo uscire fuori da quello che è il vero problema , ormai da dieci anni, ovvero questa maledetta crisi economica, che ormai nonostante la ripresa sembra essere divenuta congenita. Infatti, il senso di sobrietà , di compenetrazione responsabile e di civiltà è una conseguenza positiva , unica eccezione tra i tanti problemi, che la crisi si porta dietro, ma che deve fungere (la sobrietà, ecc.) da base per una ripresa che deve essere, e non può essere altrimenti, morale prima ancora che economica . Del resto, come diceva Platone, la morale viene prima di tutto anche della Giustizia ed è l’unico antidoto alla sofferenza. Quella sofferenza che abbiamo, anche in questa occasione, rappresentato da parte della nostra Gente. Anche perché, infine, le difficoltà e le rinunce si sopportano male, in particolare a Natale e durante le Feste.

 



© 2015 - CASARTIGIANI - Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani - Realizzazione siti web - web marketing