24/09/2017

Nel cantiere della Legge di bilancio per il 2018 le proposte delle cinque Organizzazioni

Roma, 21 settembre 2017 _ In una fase in cui il tempo della crisi sembra archiviato  e si  registrano  alcuni segnali di ripresa serve  un'accelerazione del  processo riformatore per sostenere la crescita. Questo il messaggio contenuto nella lettera inoltrata in queste ore dalle Organizzazioni di Rete Imprese Italia per richiedere un incontro al Presidente del Consiglio in vista del varo della Legge di Bilancio per il 2018.

Alcune delle misure annunciate dal Governo vanno certamente nella giusta direzione _ come quelle per favorire l'occupazione soprattutto giovanile e l'impegno di non far scattare l'aumento delle aliquote Iva attraverso la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia, ma più in generale,  la priorità  per  Rete Imprese  Italia  resta  quella  di ridurre  l'enorme carico fiscale  che grava  sulle imprese. Una pressione fiscale che ancora oggi è tra le più alte in Europa.

Tra le misure richieste dalle cinque Confederazioni per ridurre il carico fiscale l'aumento  della franchigia Irap, la totale deducibilità dell'Imu sugli immobili strumentali, il riporto delle perdite per  le imprese che adottano il "regime di cassa" l'accorpamento di  Imu e Tasi, la proroga delle agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica, le ristrutturazioni edilizie ed il "bonus  mobili".

Un altro aspetto delicato sul quale viene richiamata l’attenzione del Capo del Governo è la assoluta necessità di neutralizzare ogni ipotesi di sanzione per le imprese che rifiutano di  accettare  pagamenti  con  Pos. Una misura che le Organizzazioni di Rete Imprese Italia  giudicano ingiusta ed inutile  ai fini di una maggiore diffusione della moneta elettronica.

 

 



© 2015 - CASARTIGIANI - Confederazione Autonoma Sindacati Artigiani - Realizzazione siti web - web marketing